Maioliche da farmacia


La collezione lauretana delle maioliche da farmacia, giudicata una delle più prestigiose nel suo genere,  è legata alla Spezieria della Santa Casa ubicata, fin dal primo trentennio del ‘600, in due sale del  piano terra, nel lato occidentale del Palazzo Apostolico, le maioliche erano adibite alla conservazione di unguenti, pillole ed altri medicamenti. Ne fanno parte  tre principali raccolte.

La prima, la più numerosa e di maggiore interesse artistico, è costituita da 350 pezzi provenienti dalla bottega urbinate di Orazio Fontana (+1571), tutti istoriati con fatti biblici e mitologici. Risulta  donata, secondo  recenti studi, dal cardinale Giulio Feltrio Della Rovere, protettore della Santa Casa dal 1564 al 1578.
La seconda, di 111 pezzi, è giunta a Loreto nel 1631, acquistata a Urbino presso  la bottega dei Patanazzi. Le ceramiche sono decorate con figurazioni desunte dal ricco repertorio figurativo raffaellesco, mediato dalle esecuzioni di noti pittori e incisori. Le scene sono tratte dalla Bibbia, dalle Metamorfosi di Ovidio, dalla storia di Roma antica, della Sicilia e della Magna Grecia. 
Fanno invece parte della terza raccolta varie ceramiche di diversa provenienza  donate o acquistate nel tempo dall’Amministrazione della Santa Casa. Tra i pezzi principali vanno ricordati tre piatti delle botteghe urbinati offerti nel 1645 e quattro albarelli  di Francesco Antonio Grue (1686-1746), firmati dall’autore e completati da madrigali sul lato posteriore.

Photo Gallery